Dott.ssa Sara Bonacini - Diete e piani alimentari personalizzati, consulenza nutrizionale

Viale Repubblica, 23
Correggio (RE)

Lunedì - Venerdì: 9.00 - 20.00

Sabato: 9.00 - 13.00

Contattami: 349 255 1568

L’importanza della visita di controllo nutrizionale

A volte le persone non comprendono l’importanza della visita di controllo nutrizionale: si tende a pensare che sia un appuntamento dedicato soltanto a rilevare il peso corporeo e che solamente se quel numerino che vediamo sulla bilancia è sceso (in caso di un percorso di dimagrimento), valga la pena presentarsi all’appuntamento.
Questo è profondamente sbagliato per vari motivi:
innanzitutto il peso corporeo non è il solo parametro da prendere in considerazione quando si intraprende un percorso volto al dimagrimento. 
Se parallelamente avete iniziato ad allenarvi con i pesi in palestra, ad esempio, il peso potrebbe essere lo stesso o paradossalmente aumentato ma la taglia dei vestiti e le circonferenze corporee potrebbero essersi ridotte.
Inoltre è molto rischioso dare valore al solo peso corporeo perché questo parametro è influenzato da parecchie variabili: se siete donne la fase del ciclo mestruale (tipicamente nella fase premestruale aumenta la ritenzione dei liquidi), il contenuto intestinale (la maggior parte delle donne soffre di stitichezza), il sale utilizzato o aver consumato alimenti salati o elaborati la sera o il pasto precedenti, aver assunto determinanti farmaci (cortisone in primis).
Poi ovviamente la causa dell’ago della bilancia che non scende può essere *non aver seguito perfettamente la dieta*: a maggior ragione conviene parlarne e trovare soluzioni pratiche.
Anzi, vi dirò di più, è molto peggio affamarsi per quei pochi giorni che ci separano dal controllo a causa dei sensi di colpa per non aver seguito la dieta, che presentarsi alla visita senza apparenti risultati eclatanti.
Perdere peso è *difficile* o meglio è semplice in quanto basta introdurre meno kcal di quelle consumate nella giornata ma non è facile dal momento che cambiare abitudini ci fa sentire fuori dalla nostra zona di comfort e dalla nostra area di sicurezza.
Quindi nel mio studio vi posso assicurare che nessuno vi giudica, vi attribuisce colpe per il vostro carattere “debole” o altro: ogni comportamento, anche se apparentemente nocivo, è funzionale a qualcosa, quindi se siete ancora sovrappeso evidentemente questo “vi serve”. A cosa serve é piu difficile rispondere: per alcuni potrebbe essere una sorta di corazza verso il mondo esterno (attenzioni da parte dell’altro sesso, tante responsabilità che necessitano letteralmente di spalle forti), uno strumento, sicuramente non funzionale, per gestire lo stress o concederci il piacere che non troviamo altrove..e tante altre motivazioni.
Come potete vedere le implicazioni psicoemotive legate all’alimentazione sono tante e in un percorso di dimagrimento sono previsti e compresi intoppi e cadute, quindi non siate troppo duri con voi stessi e permettete a voi e al professionista che vi segue, di aiutarvi a raggiungere l’obiettivo con i dovuti aggiustamenti che si renderanno necessari durante il cammino.
E rispettate il lavoro altrui e il tempo dei vostri “colleghi” di dieta, nel dare di disdetta con congruo anticipo😉

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono indicati con *